Traslocare all’estero, come organizzare un trasloco al meglio

Chi deve traslocare all’estero, può trovarsi in seria difficoltà. D’altronde un trasloco è stancante e impegnativo semplicemente quando ci si trova a dover cambiare casa nello stesso paese o spostandosi al paese vicino, figurarsi quando si deve andare all’estero.

In questo caso infatti diventa una vera e propria tragedia. Ci si pongono tantissime domande, le risposte che si trovano sono però veramente poche.

Ad ogni modo non bisogna avere alcuna paura, basta soltanto seguire alcuni consigli che consentono di traslocare senza stress, organizzando tutto nel miglior modo possibile.

Come trasportare i mobili

I mobili vanno trasportati da vuoti, che siano cassetti, armadi, mensole oppure credenze, al loro interno non deve esserci nulla. Questo serve a renderli leggeri in modo tale da poterli trasportare senza troppa difficoltà, caricarli sui mezzi senza problemi ed evitare che si rompano per il peso.

Imballaggio degli oggetti

Gli oggetti che si devono trasportare da una casa all’altra, vanno imballati attentamente, soprattutto se si tratta di oggetti fragili. In questo caso, bisogna acquistare il materiale da imballaggio specifico, poi mettere tutto nelle scatole, con il polistirolo o con la carta del giornale appallottolata.

Se si ha tempo si può fare una sorta di inventario e suddividere gli oggetti in base alla tipologia, oppure alla dimensione. Tutto ciò che va in cucina quindi piatti, tazze, bicchieri, va sistemato nella stessa scatola con indicato il contenuto all’esterno.

Gli oggetti più ingombranti per esempio i quadri, le statue, i vasi e quindi tutto ciò che si può rompere, deve essere imballato a modo per evitare che si rompa a seguito di urti.

Preparazione dei mobili prima del trasporto

I mobili sono ingombranti e per questo hanno bisogno di cure e attenzioni per essere trasportati al meglio. Dopo aver liberato ogni cassetto o sportello, si toglie qualsiasi traccia di polvere e si fanno le foto per avere la prova di come erano i mobili prima del trasloco. Qualora si dovessero danneggiare, si hanno le prove che consentono di chiedere un risarcimento alla ditta responsabile.

La conta dei mobili è fondamentale per sapere più o meno quale cifra si va a spendere coinvolgendo la ditta che si occupa dei traslochi.

Disbrigo pratiche

Soprattutto per un trasloco all’estero, è consigliato affidarsi a ditte serie e professionali che si occupano anche del disbrigo pratiche.

Servono dei documenti per far viaggiare la merce varcando i confini senza problemi e intoppi di qualunque tipo. Ci sono ditte specializzate in traslochi internazionali, che si occupano di tutto. Si può scegliere qualunque servizio, dalla fornitura del container, a servizi completi che variano in base alle esigenze.

L’unica cosa da fare è richiedere i preventivi e scegliere l’opzione più comoda, che fa al caso proprio.